Preparare il terreno della futura tartufaia

Consigli e pratiche agronomiche per realizzare tartufaie: pulizia del terreno, fresatura ed erpicatura, messa a dimora delle piante, irrigazione

Consulenza pre-impianto

Una fase cruciale nella realizzazione delle vostre tartufaie

Dal momento in cui decidete di realizzare la vostra tartufaia,siamo al vostro fianco per guidarvi nella preparazione ottimale del vostro terreno.

La coltivazione della tartufaia non è una pratica molto diffusa e quindi capiamo i dubbi e le incertezze che potete avere.

Per realizzare una buona tartufaia è fondamentale:

  • scegliere il giusto sesto di impianto, cioè la distanza di messa a dimora tra un esemplare arboreo e l'altro. Il sesto di impianto va deciso in relazione alla specie di tartufo che si intende coltivare, alla pianta simbionte scelta ed alla possibilità di eseguire lavorazioni successivi con strumenti meccanici.
  • preparare meccanicamente il suolo attraverso interventi di pulizia della vegetazione, aratura e/o erpicatura del terreno. In questa fase è fondamentale ottenere un suolo pulito e possibilmente libero in maniera tale da rendere agevole l’impiego dei mezzi meccanici.
  • progettare e installare un impianto di irrigazione, fondamentale nei mesi siccitosi e nella fase di radicazione delle giovani piante. Con l’andamento climatico che ultimamente caratterizza l’Italia, con periodi lunghi siccitosi e eventi temporaleschi brevi e intensi, fornire con regolarità un supporto irriguo vi permette di aumentare la probabilità di successo della vostra tartufaia.

I due periodi preferiti per la messa a dimora sono il tardo autunno-inizio inverno e la primavera, evitando i mesi troppo vicini all’estate. Quelle poste in autunno sono più pronte al risveglio in primavera e risentono meno dell’aridità estiva. Se avete inverni rigidi e prolungati risulta migliore la messa a dimora primaverile.

Per qualsiasi dubbio approfittate del nostro servizio di consulenza. Per noi è fondamentale non lasciarvi soli nella realizzazione della vostra tartufaia.