Tartufo uncinato

Tuber aestivum forma uncinatum o tartufo uncinato

Rispetto al tartufo estivo predilige ambienti ombreggiati e pertanto vive bene nelle pinete, nei boschi di cerro e a quote alte nel carpino nero. Esige umidità nel terreno e predilige quote medio alte, fino a 1100-1200 s.l.m.. Ama un terreno calcareo e ricco di humus e sostanza organica. Si raccoglie a pochi centimetri di profondità, spesso sotto la lettiera.

E’ diffuso dalla costa Mediterranea alla Scandinavia, dalla costa Atlantica all’ex U.R.S.S. In Italia è comune in alta collina e in montagna nelle regioni centrali ma può essere reperito anche in altre zone.

I corpi fruttiferi appaiono verso la metà di Giugno ma se le piogge di Luglio sono carenti, i tartufi si disseccano e non maturano. I migliori tartufi sono quelli che maturano a Ottobre, Novembre a Dicembre. La produzione può proseguire anche fino a Febbraio e talora qualche raro tartufo può essere raccolto anche in Aprile-Maggio.

L’aroma è gradevole e alquanto intenso, la carne ha un sapore gustoso che ricorda quello delle nocciole.